IMPIANTI PER TRATTAMENTO ACQUE NERE

Gli scarichi civili domestici ed industriali rappresentano una delle principali fonti di inquinamento delle risorse idriche e del suolo. L’apporto inquinante di tali reflui deriva normalmente da concentrazioni variabili di sostanze organiche, di azoto ammoniacale e nitrico, di fosfati e materiale solido, sia disciolto sia in sospensione.

E’ necessario pertanto un trattamento prima dello scarico in acque superficiali, in fognatura o sul suolo. Quando l’insediamento è allacciato alla pubblica fognatura o nel caso di scarichi non allacciati di quantità limitate, il trattamento consiste in un semplice pretrattamento con fossa Imhoff ed eventuale subirrigazione. Negli altri casi si installano  depuratori biologici.

Gli  impianti fino 50 AE devono essere certificati di ente terzo notificato come da UNI EN 12566 (per efficacia, impermeabilità, modalità di costruzione, bassi consumi energetici, semplicità di manutenzione). Dal 1° luglio 2013 è obbligatoria la dichiarazione di prestazione secondo regolamento EU 305/2011. I nostri impianti hanno già conseguito la certificazione UNI EN 12566 e sono dotati di dichiarazione di prestazione e marchiati CE.

 Impianti NEUTRAsbr (Sequencing Batch Reactor): una soluzione efficace

Gli impianti NEUTRAsbr sono certificati in conformità alle norme UNI EN 12566. Il sistema NEUTRAsbr sequenziale, frutto della continua ricerca dei laboratori MALL, utilizza le più moderne tecnologie disponibili. E’ un impianto a fanghi attivi a flusso discontinuo con fasi sequenziali; il ciclo di trattamento, gestito da una centralina dedicata alloggiata all’interno dell’armadio comandi, prevede:

  • l’accumulo del refluo in ingresso in idoneo volume di stoccaggio
  • la fase primaria di trattenimento delle frazioni solide sedimentabili e di quelle flottanti che riduce il carico inquinante del 33% circa
  • l’alimentazione del refluo al reattore biologico con air lift collegato alla soffiante
  • l’insufflazione alternata di aria nel reattore tramite un diffusore collegato ad una soffiante posta nell’armadio. Si sviluppano così nel liquame ceppi batterici diversificati che, aggregatisi in fiocchi di fango attivo, riducono efficacemente il carico organico, l’azoto nitrico ed il fosforo
  • l’avvio del fango attivo in eccesso al comparto di sedimentazione primaria o ad apposito silo di accumulo, tramite air lift collegato alla soffiante
  • la separazione del fango attivo dall’acqua chiarificata avviene in modo ottimale. I processi di sedimentazione non sono ostacolati dall’afflusso di nuovo refluo e avvengono in una situazione di totale quiete
  • lo scarico dell’acqua chiarificata tramite air lift collegato alla soffiante

Impianto per depurazione biologica SanoClean

Impianto di depurazione biologica certificato secondo UNI EN 12566, è costituito da vasche monolitiche complete di un comparto di sgrossatura-pretrattamento-accumulo completo di air-lift e di un comparto di attivazione-sedimentazione (realizzati nello stesso comparto, in quanto, terminate le fasi sequenziali di reazione, il fango può sedimentare nel reattore in condizioni ottimali di quiete) dotato di i diffusori a membrana ed air-lift.

Le parti tecniche elettromeccaniche (elettrovalvole, quadro elettrico di comando e regolazione, soffiante ecc.) sono collocate in un armadio esterno all’impianto.

SanoClean è disponibile fino a 200AE sia per scarico su acque superficiali (SanoClean S) che per scarico sul suolo (SanoClean XL)

Impianto per depurazione biologica SanoClean PE

Impianto di depurazione biologica certificato secondo UNI EN 12566, è costituito da vasche in polietilene complete delle stesse componenti dei modelli in cemento armato

Gli impianti di depurazione in P.E trovano applicazione per installazioni non raggiungibili con autogru e camion dove è necessario avere pesi molto ridotti degli impianti

sanoclean PE è disponibile da 4 a 8AE sia per scarico su acque superficiali (Sanoclean S) che per scarico sul suolo (Sanoclean XL)

Vasche Imhoff monolitiche

sono costituite da una vasca principale (digestione anaerobica) che contiene al suo interno un vano secondario di sedimentazione. I nostri impianti sono dimensionati con 130-150 litri per abitante equivalente per il comparto di digestione e 50 litri per il comparto di sedimentazione, per un dato volumetrico complessivo di 180-200 litri per abitante equivalente.

Le vasche Imhoff monolitiche sono disponibili da 5 a 200AE